Angeli, Stefano degli, Della gravita' dell' aria e fluidi : esercitata principalmente nelli loro homogenei

List of thumbnails

< >
1
1
2
2
3
3
4
4
5
5
6
6
7
7 (1)
8
8 (2)
9
9 (3)
10
10 (4)
< >
page |< < (1) of 192 > >|
Figure: /permanent/library/9EXVCG1R/figures/00007-01 not scanned
[Figure 2]

DIALOGO PRIMO
INTERLOCVTORI
CONTE LESZCYNSKY,
OFREDI, E MATEMATICO DI PADOVA.

O_Fredi_. Oimè Signor Profeſſore, che gra-
uezza di teſta, ch’ io mi ſento.
O come
queſt Aria così humida, e fumoſa mi
dolere gl’occhi.
In gratia, già che ſiamo
vicini alla caſa del Signor Conte, andia-
mo à conſumare @@ [...] di queſta
giornata ſeco in qualche virtuoſo diſcor-
ſo.
_Matem_. Faciamo come V. S. comanda. Saliamo le Scale. Bi-
fogna certo che ſi trattenga nel ſuo Studio, già che l’vſcio
è ſocchiuſo.
Riſchiariamoſi vn poco, accioche ne cono-
ſca;
e poi con vn tratto confidente entriamo dentro. Ser-
uitor Signor Conte.
_Conte_. Seruitor miei cari Patroni. Che buon vento conduce
loro Signori à fauorirmi?
_Ofred_. Non già il vento, mà ben sì vn’Aria humidiſſima ne
ſpinto quà ſopra.
_Cont_. Se nella loro bilancia la grauezza dell’ Aria liſpinto
quà ſopra, è nella miaimpedito la diſceſa, sì che non ſia
hoggi vicito di caſa;
poiche appunto la mia fantaſia s’an-
daua ragirando intorno alia grauità dell’ Aria.
_Matem_. In gratia V. Sig. ne renda conſapeuoli di que-

Text layer

  • Dictionary

Text normalization

  • Original
  • Regularized
  • Normalized

Search


  • Exact
  • All forms
  • Fulltext index
  • Morphological index