Volta, Alessandro Lettera del Prof. A. Volta al Prof. Luigi Brugnatelli 1802 it volta_lettLB_968_it_1802.xml 968.xml

LETTERA DEL PROFESSORE ALESSANDRO VOLTA AL PROF. LUIGI BRUGNATELLI SOPRA L’ APPLICAZIONE DELL’ ELETTRICITÀ AI SORDOMUTI DALLA NASCITA.

1802 (dopo il Giugno). [1]

FONTI.

STAMPATE.

Br. Ann. T. XXI (1802) pg. 100. Ant. Coll. T. II. P. II. pg. 283.

MANOSCRITTE.

Cart. Volt.: F 70; J 72.

OSSERVAZIONI.

TITOLO: DATA: [1] Risulta dal testo della lettera.

F 70 è una lettera autografa di Jean Senebier intorno all’applicazione della Pila ai sordi. La lettera porta la data: Genève 17 Messidor An 10 (6 Luglio 1802). In J 72 il V. riporta un brano di un libro del Wolke sopra l’applicazione dell’elettri- cità ai sordi, nel quale si insiste sulla terminologia tecnica caldeggiata dal V. stesso. Per ordine di tempo e di argomento dovrebbe seguire la lettera al Sig. Canonico Don Angelo Bellani in data « Como, 2 Gennaio 1804 » pubblicata in Mont. pg. 49; che si rimanda all’Epistolario. Nella classe Efot. (fotografie lettere del V.) vi è fotografia di una lettera del V. in data 2 settembre 1803, spedita alla direzione dell’Ospedale di Como ed accompa- gnante l’invio di un esemplare di pila per cure elettriche.

[Empty Page]

LETTERA DEL PROFESSORE VOLTA AI. PROFESSORE ALESSANDRO LUIGI BRUGNATELLI SOPRA L’APPLICAZIONE DELL’ELETTRICITÀ AI SORDOMUTI DALLA NASCITA.

Vi scrissi già, che le tante detagliate relazioni di sordi muti, a cui è stato dato l’udito coll’applicazione del mio apparato elettro-motore, singolarmente a Tever (Città della Vestfalia, e Capitale del Teverland, ch’è Signoria appar- tenente allo Zar di Moscovia)

In Cart. Volt. J 72 è un brano nel quale sono citate le esperienze e le cure praticate nel- l'istituto di Tever. [Nota della Comm.].

per opera, e col metodo giudiziosamente immaginato di un certo SPRENGER, erano più che sufficienti a mostrare anche ai più increduli, che la cosa non è sprezzabile, e che merita almeno, che si provi da altri. Ho voluto dunque ancor io accingermi a tali prove, sebbene nodrissi più dubbj, che speranze; e già da giorni 15, adopero un metodo simile a quello di SPRENGER sopra una giovinetta sorda dalla nascita, dell’età di circa 15. anni, che trovasi quì a Como in un Conservatorio di povere zitelle. Non posso dire di aver avuto finora un gran successo; ma però non può ne- garsi, che la paziente ha acquistato il senso dell’udito a segno di marcare varj suoni anche non molto forti, e in distanza di alcuni piedi. Si cominciò ad accorgersi, che sentiva qualche cosa al principio del terzo giorno, cioè dopo aver la giovane subito da 8. a 9. operazioni della durata ciascuna di 10. minuti a cadaun orecchio, in cui si fan succedere le scosse ad ogni mi- nuto secondo. In tutti i consecutivi giorni si osservarono de’ progressi, ma piccioli. È curioso, che i suoni ottusi e cupi sono quelli ch’ella sente meglio, ei primi che ha potuti sentire, quali sono il battere sopra una scattola di legno vuota, o delle mani fra loro (cosa osservata anche nelle sperienze fatte a Tever, e riferita nella descrizione delle medesime) da alcuni giorni sente anche gli altri suoni, di varj stromenti cioè di Musica, di un campanello, ecc. e la voce umana; ma come pare molto oscuramente, confondendo spesso un suono coll’altro. Io continuerò per altri 15. giorni ad elettrizzare l’uno e l’altro orecchio coll’istesso metodo, cioè coll’applicare alternativamente l’estremità di un filo metallico, che forma un bottoncino e che procede dal- l’estremità positiva dell’apparato per un minuto al tragus, per due al meato esterno, e per un altro minuto dietro l’orecchio interno al processo gastro- cnemio, e portandovi frequenti scosse mediante il toccamento ad ogni mi- nuto secondo dell’altra estremità negativa con un cannone metallico impu- gnato dalla mano umida sinistra quando si opera sull’orecchio dritto, e vice- versa; e ciò quattro volte almeno per giorno. Continuerò, dico, fino a com- piere un mese di prove, che è il tempo più lungo impiegato da SPRENGER alla guarigione dei sordi più difficili, dubito però molto di riuscire così bene come vien pubblicato da più parti ch’egli sia riuscito in più di 40. casi, ed altri pure in varj altri casi. Dubito, che la mia paziente possa giungere a ben distinguere le voci articolate. Ella ha sicuramente acquistato qualche cosa: non sentiva punto i suoni più forti da nessuno degli orecchj, or sente i discretamente forti singolarmente dall’orecchio dritto; ma siamo ben lon- tani da quella finezza di udito, che si ricerca per ben sentire la voce umana poco alzata, e distinguere l’articolazione delle parole, come si richiede per imparar a parlare: che se anche potessimo giugnere fino a questa finezza, e perfezione di udito, chi sa se e quanto durerà, giacchè siamo informati dalle stesse relazioni delle prodigiose cure successe in Germania, che pa- recchi sono ricaduti quasi nella primiera sordità dopo qualche tempo; non tutti però: ma degli altri non sappiamo ancora se molti, o pochi, o qual- cuno dei già sordi muti, abbia poi imparato a parlare; giacchè dopo il mese di Giugno non ho più relazione come siano andate le cose, e fino allora non potevano ancora i guariti aver appreso il linguaggio. Mi si dice, che anche a Parigi nell’Instituto de’ Sordi e Muti si siano intraprese da qualche tempo le sperienze; ma non so con qual metodo, nè con qual esito. Ne sapete voi qualche cosa? In Germania, ove si son fatti i tentativi in tanti luoghi, e da tanti, ed ove si son pubblicate tante relazioni, ed opere stimabili intorno all’applicazione del Galvanismo, o come aman meglio di chiamarla elettricità metallica, si decantano varie altre guarigioni di debilità di vista; e fin di gotta serena, di membri paralizzati, ec.; ma ciò che è curioso è che alcuni oltre l’udito hanno acquistato anche il senso dell’odorato, di cui erano af- fatto privi; e ciò col solo elettrizzare gli orecchj col metodo indicato. Non è però maraviglia, giacchè quasi tutte le parti interne della testa si risen- rente elettrica, ed anche molte delle parti esterne, come si vede dal con- vellersi in tutte le scosse che si danno all’orecchio i muscoli temporali, e i zigomatici.

Come già dissi non ho molta speranza di riuscire perfettamente colla ragazza sorda, su cui sto ora sperimentando. Spero molto dippiù da un altro sordo muto, che sente pur qualche poco i suoni forti, e che fra poco assog- getterò alle prove.

Sono ec.

[Empty Page]