Ceredi, Giuseppe, Tre discorsi sopra il modo d' alzar acque da' lvoghi bassi : Per adacquar terreni. Per leuar l' acque sorgenti, & piouute dalle ca[m]pagne, che non possono naturalmente dare loro il decorso. Per mandare l' acqua da bere alle Città, che n' hannobisogno, & per altri simili vsi. ; Opera non piu stampata

Table of figures

< >
[1. Figure]
[2. Figure]
[3. Figure]
[4. Figure]
[5. Figure]
[6. Figure]
[7. Figure]
[8. Figure]
[9. Figure]
[10. Figure]
[11. Figure]
[12. Figure]
[13. Figure]
[14. Figure]
[15. Figure]
[16. Figure]
[17. Figure]
[18. Figure]
[19. Figure]
[20. Figure]
[21. Figure]
[22. Figure]
[23. Figure]
[24. Figure]
[25. Figure]
< >
page |< < of 119 > >|
    <archimedes>
      <text>
        <front>
          <section>
            <pb xlink:href="021/01/003.jpg"/>
            <p type="head">
              <s>ALL' ILLVSTRISSI­
                <lb/>
              MO, ET ECCELLENTISS.
                <lb/>
              SIGNORE, ET PADRON MIO
                <lb/>
              OSSER. IL SIG. A LESSANDRO
                <lb/>
              FARNESE PRINCIPE DI PIA­
                <lb/>
              CENZA, ET PARMA. &c.</s>
            </p>
            <figure id="id.021.01.003.1.jpg" xlink:href="021/01/003/1.jpg"/>
            <p type="main">
              <s>HO INTESO DA HVOMINI VE­
                <lb/>
              riteuoli, Illuſtriſſimo & Eccellen
                <lb/>
              tiſſimo Principe, che V.E. eſſendo
                <lb/>
              nella Corte di Spagna, madre de
                <lb/>
              la vera creanza; dopo i piu graui
                <lb/>
              & honorati ſuoi negocij, ſi pren­
                <lb/>
              deua molte volte grandiſſimo pia
                <lb/>
              cere in intendere le ragioni di
                <lb/>
              varij, & begli effetti mathemati­
                <lb/>
              ci: percioche non ſolamente voleua ſapere le poſitioni,
                <lb/>
              che
                <expan abbr="appertẽgono">appertengono</expan>
              alla cognitione della Sfera, & dell'Aſtro
                <lb/>
              labio, per conto delle nauigationi de'Portugheſi, & de'
                <lb/>
              Caſtigliani alle prouincie ritrouate, & ſoggiogate di nuo­
                <lb/>
              uo; delle quali è quaſi biſogno ad ognuno de i principali
                <lb/>
              Caualieri di quella corte ſaperne bene, & artificioſamen­
                <lb/>
              te ragionare con quel potentiſſimo Re: ma anco cercaua
                <lb/>
              di conoſcere gli auiſi, che ſono di grandiſſima vtilità per
                <lb/>
              l'Architettura, & ſpecialmente per l'vſo de gli eſſerciti;
                <lb/>
              & per lo mantenimento, & diſtruggimento delle fortezze.
                <lb/>
              </s>
              <s>Della qual coſa, per eſſere ella veramente degna di Prin­
                <lb/>
              cipe magnanimo, & che gia ſicuramente ſia incaminato
                <lb/>
              per la ſtrada dell'honore, & della vera gloria; ne ſentì
                <lb/>
              quella contentezza, che ſi ſuol ſentire delle buone nuoue </s>
            </p>
          </section>
        </front>
      </text>
    </archimedes>