Ceredi, Giuseppe, Tre discorsi sopra il modo d' alzar acque da' lvoghi bassi : Per adacquar terreni. Per leuar l' acque sorgenti, & piouute dalle ca[m]pagne, che non possono naturalmente dare loro il decorso. Per mandare l' acqua da bere alle Città, che n' hannobisogno, & per altri simili vsi. ; Opera non piu stampata

Table of figures

< >
< >
page |< < of 119 > >|
    <archimedes>
      <text>
        <body>
          <chap>
            <pb xlink:href="021/01/078.jpg" pagenum="58"/>
            <p type="main">
              <s>
                <emph type="italics"/>
              Nella quale ſi uede, che per la piegatura la parte del moto piu fa­
                <lb/>
              ticoſa ſi ſarà finire con la mano alquanto rimota dal petto, oue ella
                <lb/>
              ba maggior forza, che quando è lui troppo uicina. </s>
              <s>L'altra figu­
                <lb/>
              ra della ſeconda è la ſeguente: uſata ſpecialmente nel mouimento
                <lb/>
              delle ruote, che ſi uoltano co'piedi, o che col uette moueno altre coſe
                <emph.end type="italics"/>
                <lb/>
                <figure id="id.021.01.078.1.jpg" xlink:href="021/01/078/1.jpg"/>
                <lb/>
                <emph type="italics"/>
              Nella quale ſe la corda fuſſe appeſa ad un uette diritto, & tiraſſe
                <lb/>
              perpendicolarmente come ſa, non ſolo non mouerebbe, ma talhora
                <lb/>
              ſarebbe cagione, che la ruota ſi fermaſſe, & reſtaſſe immobile: per
                <lb/>
              cioche tirando la corda il uette in ſe steſſo uerſo il ſuo centro, non
                <lb/>
              potrebbe cedere alla forza motiua, mentre che per l'impulſione
                <lb/>
              del mouimento primo, non paſſaſſe la linea perpendicolare: &
                <lb/>
              paſſata che l'haueſſe, non tirerebbe con la forza della miſura di
                <lb/>
              tutto il uette: perche ſempre il principio del moto della corda ſa­
                <lb/>
              rebbe piu uicino al centro, che all'eſtremità del uette. </s>
              <s>Dal che ſi
                <lb/>
              puo comprendere quanto errino coloro, che fanno queſti uetti, che
                <lb/>
              non s'allontanano tanto per la curuità loro dal centro uerſo i lati,
                <lb/>
              quanto l'eſtremità è lontana dall'iſteſſo a linea dritta: & ſono nel
                <lb/>
              modo della figura, che ſegue, o ſimile.
                <emph.end type="italics"/>
              </s>
            </p>
          </chap>
        </body>
      </text>
    </archimedes>