Ceredi, Giuseppe, Tre discorsi sopra il modo d' alzar acque da' lvoghi bassi : Per adacquar terreni. Per leuar l' acque sorgenti, & piouute dalle ca[m]pagne, che non possono naturalmente dare loro il decorso. Per mandare l' acqua da bere alle Città, che n' hannobisogno, & per altri simili vsi. ; Opera non piu stampata

Table of figures

< >
< >
page |< < of 119 > >|
    <archimedes>
      <text>
        <body>
          <chap>
            <pb xlink:href="021/01/083.jpg" pagenum="63"/>
            <figure id="id.021.01.083.1.jpg" xlink:href="021/01/083/1.jpg"/>
            <p type="main">
              <s>
                <emph type="italics"/>
              Nel quale ſe la catena tiraſſe ſenza auicinarſi mai piu al cen­
                <lb/>
              tro di quello, che è l'eſtremità di lui, gagliardiſſima ueramente fa­
                <lb/>
              rebbe la forza, per la lunghezza del ſuo diametro. </s>
              <s>ma eſſendo
                <lb/>
              neceſſario, che s'auicini ſe ſi dè mouere dalle due ale, tanto il uet­
                <lb/>
              te perde della forza gia acquiſtata, quanto la catena s'appropin­
                <lb/>
              qua al centro. </s>
              <s>Ho inteſo che il ualent'buomo ne fece la proua pri­
                <lb/>
              ma che ne ragionaſſe con al cuno, in uno edificio grande come ha­
                <lb/>
              ueua ad eſſere in effetto, in cui tuttauia la macina non calcaua: &
                <lb/>
              perche li riuſcì come haueua deſiderato, & con facilità ineſtima­
                <lb/>
              bile, non ſi curò di prouare nella macina, che calcaſſe. </s>
              <s>Ilche credo
                <lb/>
              che aueniſſe perche la ragione uera di tirare il uette nell'eſtremità
                <lb/>
              ſua l'haueua ſi perſuaſo, che non conſiderò l'oppoſta; cioè, che la
                <lb/>
              forza del motore nell'alette, era uicina al centro. </s>
              <s>Vn ſimile er­
                <lb/>
              rore preſe il diuino Michel' Angelo Buonaruoti, quando era gio­
                <lb/>
              uane, & penſaua di uoltare la mal formata chiocciola di Vitruuio
                <lb/>
              (che queſto diuino ſpirito fu piu uolte in humore di uolerlariduce­
                <lb/>
              re alla perfettione: & forſe, ſe non fuſſe stato diuertito da molte
                <lb/>
              altre impreſe, l'haurebbe fatto: percioche l'Eccellenza dell'Illu­
                <lb/>
              ſtriſſimo Signore il Duca noſtro mi diſſe gia, che n'haueua uiſto una
                <emph.end type="italics"/>
              </s>
            </p>
          </chap>
        </body>
      </text>
    </archimedes>