Ceredi, Giuseppe, Tre discorsi sopra il modo d' alzar acque da' lvoghi bassi : Per adacquar terreni. Per leuar l' acque sorgenti, & piouute dalle ca[m]pagne, che non possono naturalmente dare loro il decorso. Per mandare l' acqua da bere alle Città, che n' hannobisogno, & per altri simili vsi. ; Opera non piu stampata

Table of figures

< >
< >
page |< < of 119 > >|
    <archimedes>
      <text>
        <body>
          <chap>
            <p type="main">
              <s>
                <pb xlink:href="021/01/085.jpg" pagenum="65"/>
                <emph type="italics"/>
              ſi ſoglia ordinariamente da ognuno, haurebbe oprato almeno per
                <lb/>
              la forza d'altri diece. </s>
              <s>tutto l'inganno fu nella piegatura: di cui ſi
                <lb/>
              poſſono dare due certiſſime regole: vna quando ſi conſidera la for­
                <lb/>
              za in un raggio ſolo; & è che tanto ſempre acquiſta di forza il
                <lb/>
              uette, quanto l'eſtremità di lui, in cui è il motore od animato, od
                <lb/>
              innanimato, s'allontana dal centro: non hauendo riguardo a tutte
                <lb/>
              le parti, ancor che fuſſero o piu rimote, o piu propinque. </s>
              <s>l'altra,
                <lb/>
              quando ſi conſidera la forza in duoi raggi; & è che la piegatura
                <lb/>
              dell'uno non nuoce alla forza dell'altro, ſe nó quanto l'eſtremitati ſi
                <lb/>
              ritrouano rimote dal punto ſopra cui ſi moue la statera. </s>
              <s>& con
                <lb/>
              queſta ſeconda ſi portano molte commodità a'motori, per alzare
                <lb/>
              piu alto ſenza diſcómodarſi, che nó ſi farebbe con la statera retta,
                <lb/>
              & per mouere diuerſe coſe, & diuerſamente con un moto ſolo.
                <lb/>
              </s>
              <s>Delle quali, perche hora non fanno al propoſito della Chiocciola no
                <lb/>
              ſtra, non è bene, che ſe ne dica altro. </s>
              <s>Vno eccellente Architetto
                <lb/>
              Napoletano, che ſi chiamaua il Gaietta, penſò di fuggire il gran­
                <lb/>
              chio di Michel'angelo, & inciampò in un'altro di gran lunga peg­
                <lb/>
              giore. </s>
              <s>Formò il uette in ſimil figura.
                <emph.end type="italics"/>
              </s>
            </p>
            <figure id="id.021.01.085.1.jpg" xlink:href="021/01/085/1.jpg"/>
            <p type="main">
              <s>
                <emph type="italics"/>
              Ciudicando con queſto riuolgimento di raddoppiare la lena: per­
                <lb/>
              che il raggio non s'appreſſaua al centro per uia diametrale. </s>
              <s>Ma il
                <lb/>
              Filandro nell' Academia di Roma, allhora che a perſuaſione di
                <emph.end type="italics"/>
              </s>
            </p>
          </chap>
        </body>
      </text>
    </archimedes>